Passa ai contenuti principali

DIA 2017 - MAFIA IN BELGIO

Belgio



 Il Belgio, per la propria posizione al centro dell’Europa ed in virtù dell’importante scalo portuale di Anversa, polarizza numerose attività illecite transnazionali. Da anni, il territorio, visto come opportunità di investimenti per profitti illeciti, costituisce centro di interesse per tutte le principali mafie di matrice italiana, in particolare cosa nostra e ‘ndrangheta, dedite innanzitutto al traffico di so- stanze stupefacenti ed alla commissione di reati economico-finanziari. In particolare, le province di Mons-Charleroi, di Hainaut e di Liegi sarebbero storicamente interessate dalle infiltrazioni delle cosche. Appare indicativo dei collegamenti criminali tra l’Italia ed il Paese in esame l’omicidio di un soggetto di nazionalità belga, ma di origine calabrese, avvenuto il 27 agosto 2015 a Opglabbeek (provincia fiamminga di Limburg, al confine tra Olanda e Germania), il quale è risultato coinvolto in quello che è stato ritenuto uno dei più rilevanti processi mai celebrati in Belgio per traffico internazionale di cocaina. Nella circostanza, tra i 35 soggetti imputati, tutti appartenenti ad un gruppo criminale belga, figuravano due fratelli della vittima e alcuni referenti dei cartelli colombiani, accusati di aver gestito l’importazione, in meno di un anno, di circa 3 tonnellate di cocaina, per un valore stimato di oltre 80 milioni di euro. Altrettanto significativo il fatto che a Bruxelles, in data 12 dicembre 2015, è stato localizzato e tratto in arresto, dalla polizia italiana in collaborazione con quella belga, un esponente di rilievo della ‘ndrangheta, collegato alle famiglie Pelle e Romeo di San Luca (RC), inserito tra i 100 latitanti più pericolosi in quanto considerato elemento di raccordo con i narcotrafficanti del Sud America. Tra i gruppi calabresi storicamente operativi sul territorio in esame figura il clan COMMISSO (noti “Quagghia”) di Si- derno (RC), colpito, nel mese di gennaio 2016, dall’operazione “Ape green drug”, che ha portato all’arresto di 14 persone, ritenute responsabili di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. L’in- chiesta, oltre a far luce sui rapporti d’affari tra il citato clan e i PESCE di Rosarno (RC), ha evidenziato l’operatività dell’organizzazione in Belgio, Costa d’Avorio e Venezuela, dove poteva contare su basi logistiche utili allo smistamento dei carichi di droga. Altre evidenze info-investigative raccolte nella seconda metà del 2016 confermano le proiezioni delle ‘ndrine sul ter- ritorio belga, essenzialmente connesse al traffico di stupefacenti, in alcuni casi condotto in sinergia con altre compagini criminali. Nell’ordine, come già indicato nella precedente relazione, con l’indagine “Ring new”del mese di set- tembre 2016, la Guardia di Finanza ha arrestato 6 cittadini albanesi e 2 italiani che avevano costituito un’associazione per delinquere, di stanza a Brescia, con collegamenti in altre zone del territorio nazionale, in grado di sfruttare i canali esteri - segnatamente il Belgio, la Grecia e la Bulgaria - per importare ingenti quantitativi di cocaina, eroina, marijuana e hashish. Tra i destinatari dello stupefacente vi erano gruppi criminali legati alla ‘ndrina di Corigliano Calabro (CS), alla camorra e alla criminalità organizzata pugliese. Di rilievo risulta, ancora, l’arresto avvenuto in data 11 aprile 2017, a San Luca (RC), di un elemento di vertice della ‘ndrina STRANGIO, latitante poiché destinatario di mandato d’arresto europeo emesso dalle Autorità del Belgio per associazione per delinquere e riciclaggio. Anche la criminalità organizzata siciliana, attraverso alcuni elementi contigui ai sodalizi agrigentini, risulta presente nel Belgio, ove gli stessi sarebbero dediti a varie attività illecite, tra cui, anche in questo caso, il traffico di stupe- facenti. Tra il 2016 ed il primo semestre 2017 si sono registrati, nel territorio belga e in provincia di Agrigento, alcuni episodi delittuosi, consumati nei confronti di persone originarie di quella provincia. Tali gravi fatti di sangue farebbero pre- sumere l’esistenza di una faida, verosimilmente maturata in ambienti riconducibili al traffico internazionale di so- stanze di stupefacenti sull’asse Belgio - Agrigento. Il legame esistente tra la criminalità organizzata agrigentina e il Belgio viene ulteriormente attualizzato da due arresti, eseguiti su mandato d’arresto europeo a seguito di attivazione delle Autorità del Belgio. Il primo arresto è stato eseguito ad Agrigento, il 17 marzo 2017, ed ha colpito un pregiudicato agrigentino, residente in Belgio, responsabile di traffico internazionale di sostanze stupefacenti; il secondo arresto, effettuato in data 16 giugno 2017, sempre ad Agrigento, ha colpito un soggetto accusato di un tentato omicidio accaduto il 28 aprile 2017 a Grace - Hollogne. La D.I.A di Palermo, grazie alla proficua collaborazione con il collaterale del Belgio e con il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, in data 1° giugno 2017 ha tratto in arresto, a Bruxelles, un latitante di di origine palermitana,
colpito da Mandato di Arresto Europeo perché condannato per omicidio ed altri gravi reati.

Commenti

Post popolari in questo blog

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI. LA DIA DI BARI ARRESTA 43 PERSONE TRA ALBANIA E ITALIA.

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

LANCIO STAMPA

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI.
LA DIA DI BARI ARRESTA 43 PERSONE TRA ALBANIA E ITALIA.

È tutt’ora in corso, in Albania ed in Italia, un’operazione della Direzione Investigativa Antimafia di Bari, coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, volta a disarticolare due potenti organizzazioni criminali responsabili del reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti dai Balcani all’Italia.

Circa duecento uomini della DIA, con l’ausilio in fase esecutiva dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, di Interpol e della Polizia Albanese, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 43 soggetti che dovranno rispondere del reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di ingentissimi quantitativi di marijuana, cocaina e hashish.

L’indagine, convenzionalmente denominata “Shefi”, conclude un’articolata attività investigativa avviata …

24° VERTICE ANTIMAFIA - AGGIORNAMENTO

24* Vertice Nazionale Antimafia - 4° Summit del Mediterraneo Napoli 5 maggio 2018 – ore 16
Nell’affascinante cornice del palazzo di via Depetris 130, della Fondazione Mediterraneo, ospitati dal fondatore, Michele Capasso, si svolgerà quest’anno il XXIV Vertice Nazionale Antimafia – Antonino Caponnetto.  La Fondazione Caponnetto da circa quindici anni, raccogliendo l’insegnamento del Giudice Caponnetto, raduna attorno a sé personaggi del mondo dell’antimafia: magistrati, investigatori, giornalisti, politici, studiosi, professionisti e gente comune, che si batte per divulgare il seme della legalità e per contrastare tutte le organizzazioni criminali. 
Garantire libertà e giustizia sociale per un paese libero e democratico”.
Nel solco tracciato da Antonino Caponnetto quest’anno la Fondazione vuole tenere questo vertice straordinario proprio a Napoli, per dare voce e sostenere ancora una volta magistrati, forze dell’ordine e giornalisti, impegnati quotidianamente su un terreno difficile, dove…

REPORT SU MALTA 2018

REPORT SU MALTA – FONDAZIONE CAPONNETTO - OMCOM
A cura di Salvatore Calleri, Pier Paolo Santi, Aldo Musci.
Con il contributo di Claudio Gherardini
INDICE
PROLOGO POSIZIONAMENTO MALTA NEI REPORT ANTIMAFIA ITALIANI EPISODI CRIMINALI DA SEGUIRE EPISODI E NOTIZIE RILEVANTI CHE HANNO RIGUARDATO MALTA ALCUNE RECENTI OPERAZIONI CHE MERITANO UNA ATTENZIONE PARTICOLARE L'OMICIDIO DI DAPHNE CARUANA GALIZIA L'OPINIONE DI ALDO MUSCI ALDO MUSCI INTERVISTA SEN. GIUSEPPE LUMIA L'OPINIONE DI PIER PAOLO SANTI CONCLUSIONI ELENCO CLAN ITALIANI TRACCIATI A MALTA

PROLOGO
Se si apre il calendario atlante DE AGOSTINI si ottengono i dati fondamentali su Malta.
Dati importantissimi per analizzare questa isola che è posizionata in un punto strategico del Mediterraneo. La superficie dell'isola è pari a 315,2 kmq. Gli abitanti stimati sono 434.000. I cattolici sono il 95%. Malta è situata tra la Sicilia e la Tunisia e di fronte alla Libia. Ex colonia britannica. Indipendente dal 1964 e repubblica dal 1974. Il sist…