Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2018

Terrorismo, blitz in Piemonte

Terrorismo, nuovo colpo alla rete dei contatti italiani di Anis Amri: 5 mandati d'arresto

Crack Deiulemar, maxi sequestro a Malta per la «Parmalat del mare»

Interessante vicenda per capire alcuni contesti esistenti anche se lontani da fenomeni criminali in senso stretto.
http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/finanza-e-mercati/2018-03-27/crack-deiulemar-maxi-sequestro-malta-la-parmalat-mare-150604.shtml?uuid=AEcUSnOE


IN ITALIA PER FORTUNA ESISTE LA DIGOS

FIRENZE - I SUTERA SONO DIETRO ALL'ASSE NARCOS CON BARCELLONA

PROCURA DELLA REPUBBLICA
presso il Tribunale di Firenze
Direzione Distrettuale Antimafia

Nella mattinata odierna, militari del Comando Provinciale dei Carabinieri di Firenze hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze – Dott.ssa Paola Belsito – su richiesta di questa Procura Distrettuale Antimafia, emessa nei confronti di 4 persone residenti a Firenze, in Provincia di Bergamo e in Spagna, ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti.
Il provvedimento è stato emesso a conclusione di articolate indagini avviate nel dicembre del 2016, coordinate dal Sost. Proc. dott.ssa Giuseppina Mione e condotte dal Reparto Operativo dei Carabinieri, che hanno permesso di documentare come due i fratelli di origine palermitana SUTERA Renato e Giovanni, titolari di fatto del noto bar – pasticceria “Curtatone” di Firenze, abbiano preso parte con il ruolo di finanziator…

Firenze, traffico di droga tra la Spagna e l'Italia: 4 arresti

Interessante operazione riguardante asse narcos tra clan siciliani e narcos spagnoli.
http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/03/27/news/traffico_di_droga_tra_la_spagna_e_l_italia_-192331154/

Uno dei più grandi siti di criptovalute si sposta a Malta

La fonte-chiave di Daphne Caruana Galizia in stato di fermo a Atene: lavorava nella banca al centro delle indagini della giornalista assassinata

COMO HUB NARCOS ALBANESI PER SVIZZERA

Il comasco è utilizzato come hub dai narcos albanesi per la droga diretta in Svizzera.


https://www.ilgiorno.it/como/cronaca/droga-svizzera-1.3803227

L'ATTENTATORE DI TREBES VENIVA DALLA CRIMINALITÀ COMUNE

La criminalità comune dei pusher in Francia specialmente se proveniente dal nord Africa continua ad avere rapporti con il terrorismo.
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Attacco-a-Trebes-Morto-il-gendarme-rimasto-ferito-si-era-offerto-a-terrorista-al-posto-di-ostaggio-ac14abd7-1ede-4c69-8b21-a141ccfad2bb.html


NIZZA - Il garante boccia Reporty: i nizzardi non si trasformeranno in tanti Sherlock Holmes

MALTA - SICILIA - PROBLEMI TRA TRASPORTATORI

Sembra che ci sia uno scontro in atto tra trasportatori siciliani e maltesi. Situazione da seguire.
http://www.trasportoeuropa.it/index.php/home/archvio/9-autotrasporto/17967-guerra-dellautotrasporto-tra-italia-e-malta

RIFIUTOPOLI A NIZZA ~ FRANCIA

Albania, 39 arresti: smantellata rete di trafficanti di esseri umani

Ottima operazione in sinergia tra le autorità albanesi ed Europol ed Interpol.

https://www.albanianews.it/notizie/cronaca/39-arresti-trafficanti-esseri-umani


BABY GANG FEMMINILI ~ LONDRA ~ PROBLEMI

Le baby gang anche femminili  a Londra sono un problema molto serio e non affrontato in modo adeguato.

http://www.romatoday.it/cronaca/mariam-moustafa-morta.html

SLOVACCHIA - RIFLESSIONE -Legge sulla libertà di informazione: miglior amico o assassino del reporter?

Non appena i giornalisti hanno pubblicato l'ultima indagine sul loro collega assassinato, il giornalista slovacco Jan Kuciak, si sono subito concentrati su un'altra importante questione: perché è stato ucciso? E come hanno fatto i suoi assassini a sapere che stava lavorando a una storia su di loro?


https://www.occrp.org/en/amurderedjournalistslastinvestigation/freedom-of-information-law-reporters-best-friend-or-killer



DIA BARI - COMUNICATO STAMPA 14 Marzo 2018 TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI. 43 ARRESTI IN ALBANIA E IN ITALIA

Procura della Repubblica di Bari Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA 14 Marzo 2018 TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI. 43 ARRESTI IN ALBANIA E IN ITALIA


Nella nottata odierna in Albania ed in Italia il Centro Operativo D.I.A. di Bari, con l’ausilio in fase esecutiva dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, dei Centri e Sezioni Operativi D.I.A. di Roma, Napoli, Reggio Calabria, Catania, Lecce, Catanzaro, Salerno e Bologna, nonché di Interpol, dell’Ufficio di Collegamento Interforze di Tirana e della Polizia Albanese, nell’ambito dell’Operazione SHEFI condotta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, ha eseguito una misura cautelare personale nei confronti di 43 persone responsabili, a vario titolo, del reato di traffico internazionale di ingentissimi quantitativi di sostanze stupefacenti. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di complesse e articolate indagini effettuate dal Centro Operativo D.I.A. di Bari, tra maggio 2016 e gen…

'Ndrangheta, frutta dal Sudamerica per importare cocaina: 17 arresti. C’è anche Vadalà indagato nell’omicidio Kuciak in Slovacchia

Operazione anti droga della procura di Venezia. Gli arrestati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti con l’aggravante, per alcuni, del favoreggiamento alla mafia e del riciclaggio. Tra loro c'è anche il calabrese già arrestato e rilasciato per l'assassinio del giornalista slovacco...

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/13/ndrangheta-frutta-dal-sudamerica-per-importare-cocaina-17-arresti-ce-anche-vadala-coinvolto-nellomicidio-kuciak/4223026/


TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI. LA DIA DI BARI ARRESTA 43 PERSONE TRA ALBANIA E ITALIA.

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

LANCIO STAMPA

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI.
LA DIA DI BARI ARRESTA 43 PERSONE TRA ALBANIA E ITALIA.

È tutt’ora in corso, in Albania ed in Italia, un’operazione della Direzione Investigativa Antimafia di Bari, coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, volta a disarticolare due potenti organizzazioni criminali responsabili del reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti dai Balcani all’Italia.

Circa duecento uomini della DIA, con l’ausilio in fase esecutiva dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, di Interpol e della Polizia Albanese, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 43 soggetti che dovranno rispondere del reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di ingentissimi quantitativi di marijuana, cocaina e hashish.

L’indagine, convenzionalmente denominata “Shefi”, conclude un’articolata attività investigativa avviata …

SVIZZERA - Il narcos ticinese è vivo

Per gli inquirenti italiani il 63enne bellinzonese è latitante; sospeso il processo nella speranza che venga catturato

https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/Il-narcos-ticinese-%C3%A8-vivo-10239878.html


Asse Marocco ~ Spagna ~ Italia. Camorra, chili di hashish dal Marocco ai clan: 29 arresti

MALTA ~ PACEVILLE ~ CRIMINALITÀ ~ UCCISO RAGAZZO SENZA MOTIVO

FOCUS OMCOM SU ASSE CRIMINALE BELGIO / SICILIA - 2018 MARZO

FOCUS OMCOM SU ASSE CRIMINALE BELGIO / SICILIA
A cura di Salvatore Calleri
Focus su quanto succede tra Belgio e Sicilia (Agrigento e dintorni)







Vi sono stati degli episodi criminali in Belgio che riguardano soggetti siciliani.

A) Elenco episodi criminali

Il 14 settembre 2016 a Liegi in Belgio in un condominio vengono esplosi numerosi colpi d'arma da fuoco contro due soggetti Mario Jakelic di 28 di Porto Empedocle che muore e Maurizio Di Stefano di 40 anni detto "furia" di Favara che rimane ferito.
Il 3 maggio 2017 a Liegi in Belgio viene ucciso Rino Sorce di 50 anni di Favara ristoratore. Il 22 maggio 2017 a Favara in Sicilia è avvenuto un agguato a colpi di kalashinikov con conseguente scontro a fuoco tra la vittima designata ed i killer. Successivamente si è presentato al pronto soccorso di Agrigento Carmelo Nicotra che è persona che si ritiene essere in contatto con il gruppo di Furia (Di Stefano) ferito nel settembre 2016 a Liegi.
L'8 marzo 2018 viene ucciso a Favara Eman…

DIA 2017 - MAFIA IN BELGIO

Belgio



 Il Belgio, per la propria posizione al centro dell’Europa ed in virtù dell’importante scalo portuale di Anversa, polarizza numerose attività illecite transnazionali. Da anni, il territorio, visto come opportunità di investimenti per profitti illeciti, costituisce centro di interesse per tutte le principali mafie di matrice italiana, in particolare cosa nostra e ‘ndrangheta, dedite innanzitutto al traffico di so- stanze stupefacenti ed alla commissione di reati economico-finanziari. In particolare, le province di Mons-Charleroi, di Hainaut e di Liegi sarebbero storicamente interessate dalle infiltrazioni delle cosche. Appare indicativo dei collegamenti criminali tra l’Italia ed il Paese in esame l’omicidio di un soggetto di nazionalità belga, ma di origine calabrese, avvenuto il 27 agosto 2015 a Opglabbeek (provincia fiamminga di Limburg, al confine tra Olanda e Germania), il quale è risultato coinvolto in quello che è stato ritenuto uno dei più rilevanti processi mai celebrati…

CANADA - ESTRATTO COMMISSIONE PARLAMENTARE ANTIMAFIA

Omcom ritiene in alcuni punti tale estratto non preciso .

CANADA

La presenza della criminalità organizzata italiana o con radici italiane in territorio canadese è un fatto ben noto alle autorità giudiziarie e investigative del nostro Paese. Cosa nostra, attiva nella zona di Montreal (provincia del Québec), ha raggiunto negli anni con il clan Rizzuto un ruolo egemone sul territorio, controllando e coordinando varie attività illecite sia dei gruppi criminali di diversa matrice etnica, compresi quelli calabresi e irlandesi, sia degli Hell’s Angels 593.
Le attività prevalenti si estendono dal traffico di stupefacenti all’usura e al racket delle estorsioni, dal gioco d’azzardo all’accaparramento di appalti pubblici e alle conseguenti influenze nella vita politica locale. Ulteriori infiltrazioni di cosa nostra risultano anche in altre aree del territorio, quali le province British Columbia e Alberta ove, oltre alla cocaina, vi sono elementi che indicano movimentazioni di eroina e di precur…