Passa ai contenuti principali

INTERROGAZIONE SEN LUMIA SU ✈ AEROPORTO LINATE HUB DELLA DROGA

Mostra rif. normativi Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-04095 Atto n. 4-04095 Pubblicato il 10 giugno 2015, nella seduta n. 462 LUMIA - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, dell'interno e dell'economia e delle finanze. - Premesso che: come si apprende da notizie di stampa l'aeroporto milanese di Linate sarebbe una grande piazza di transito dello spaccio di stupefacenti in Europa. Infatti, numerose spedizioni, tutte sotto i due chili e mezzo, arrivano ogni giorno a Linate con piccole dosi di droga. Un vero e proprio hub europeo dello spaccio on line di cocaina, marijuana, hashish, ecstasy, anfetamine, funghi; l'80 per cento circa del flusso quotidiano di dosi ben camuffate e custodite in buste, plichi, pacchettini all'apparenza innocui, viene intercettata ogni giorno dall'ottimo lavoro dei militari della compagnia di Linate della Guardia di finanza di Milano: pastiglie, erba, cristalli, polveri, piantine, francobolli, sigarette. Dosi acquistate on line, che partono dal nord Europa e finiscono all'aeroporto, destinate ad ogni angolo del Paese, dalla Valle d'Aosta alla Sicilia; le sostanze stupefacenti sono ben mimetizzate nelle oltre 4.000 tonnellate di posta annua che arriva in aeroporto e che impegna, giorno dopo giorno, una squadra di finanzieri con i cani addestrati. La droga è sempre nascosta in maniera meticolosa: sottovuoto, per non far sentire gli odori; in custodie rigide o con cuscinetti d'aria per non far notare nulla all'esterno; avvolta in fogli schermati che non la rendono rilevabile ai raggi X. "È come cercare tanti singoli aghi in un immenso pagliaio, dice il capitano Dario Ridolfo, comandante della compagnia Linate della Gdf, un lavoro che però alla fine dà i suoi frutti"; in un anno e mezzo, da novembre 2013 ad aprile 2015, sono state sequestrate 12.310 spedizioni contenenti droga: 683 al mese, 42 al giorno, con punte di oltre 100. Per un totale di oltre 35 chili di stupefacente. "La maggior parte dei sequestri riguardano l'Olanda con una prevalenza di droghe sintetiche (dice il colonnello Ugo Poggi, comandante del gruppo Milano della Guardia di finanza) stupisce la diffusione massiccia di metanfetamine e crack, droghe sintetiche più dannose di coca ed eroina", si chiede di sapere: come si intenda colpire in modo sistematico questa nuova modalità di spaccio di sostanze stupefacenti; se siano interessati altri aeroporti del nostro Paese; come si intenda rafforzare il lavoro della Guardia di finanza dell'aeroporto per consentire un più capillare controllo dei plichi in arrivo o in transito; se si stiano stipulando accordi europei o internazionali per bloccare a monte il devastante traffico descritto e per intercettare il flusso di denaro che si ricava.

Commenti

Post popolari in questo blog

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI. LA DIA DI BARI ARRESTA 43 PERSONE TRA ALBANIA E ITALIA.

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

LANCIO STAMPA

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI.
LA DIA DI BARI ARRESTA 43 PERSONE TRA ALBANIA E ITALIA.

È tutt’ora in corso, in Albania ed in Italia, un’operazione della Direzione Investigativa Antimafia di Bari, coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, volta a disarticolare due potenti organizzazioni criminali responsabili del reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti dai Balcani all’Italia.

Circa duecento uomini della DIA, con l’ausilio in fase esecutiva dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, di Interpol e della Polizia Albanese, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 43 soggetti che dovranno rispondere del reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di ingentissimi quantitativi di marijuana, cocaina e hashish.

L’indagine, convenzionalmente denominata “Shefi”, conclude un’articolata attività investigativa avviata …

24° VERTICE ANTIMAFIA - AGGIORNAMENTO

24* Vertice Nazionale Antimafia - 4° Summit del Mediterraneo Napoli 5 maggio 2018 – ore 16
Nell’affascinante cornice del palazzo di via Depetris 130, della Fondazione Mediterraneo, ospitati dal fondatore, Michele Capasso, si svolgerà quest’anno il XXIV Vertice Nazionale Antimafia – Antonino Caponnetto.  La Fondazione Caponnetto da circa quindici anni, raccogliendo l’insegnamento del Giudice Caponnetto, raduna attorno a sé personaggi del mondo dell’antimafia: magistrati, investigatori, giornalisti, politici, studiosi, professionisti e gente comune, che si batte per divulgare il seme della legalità e per contrastare tutte le organizzazioni criminali. 
Garantire libertà e giustizia sociale per un paese libero e democratico”.
Nel solco tracciato da Antonino Caponnetto quest’anno la Fondazione vuole tenere questo vertice straordinario proprio a Napoli, per dare voce e sostenere ancora una volta magistrati, forze dell’ordine e giornalisti, impegnati quotidianamente su un terreno difficile, dove…

REPORT SU MALTA 2018

REPORT SU MALTA – FONDAZIONE CAPONNETTO - OMCOM
A cura di Salvatore Calleri, Pier Paolo Santi, Aldo Musci.
Con il contributo di Claudio Gherardini
INDICE
PROLOGO POSIZIONAMENTO MALTA NEI REPORT ANTIMAFIA ITALIANI EPISODI CRIMINALI DA SEGUIRE EPISODI E NOTIZIE RILEVANTI CHE HANNO RIGUARDATO MALTA ALCUNE RECENTI OPERAZIONI CHE MERITANO UNA ATTENZIONE PARTICOLARE L'OMICIDIO DI DAPHNE CARUANA GALIZIA L'OPINIONE DI ALDO MUSCI ALDO MUSCI INTERVISTA SEN. GIUSEPPE LUMIA L'OPINIONE DI PIER PAOLO SANTI CONCLUSIONI ELENCO CLAN ITALIANI TRACCIATI A MALTA

PROLOGO
Se si apre il calendario atlante DE AGOSTINI si ottengono i dati fondamentali su Malta.
Dati importantissimi per analizzare questa isola che è posizionata in un punto strategico del Mediterraneo. La superficie dell'isola è pari a 315,2 kmq. Gli abitanti stimati sono 434.000. I cattolici sono il 95%. Malta è situata tra la Sicilia e la Tunisia e di fronte alla Libia. Ex colonia britannica. Indipendente dal 1964 e repubblica dal 1974. Il sist…